L'OMS raccomanda un vaccino contro la malaria

A maggio e mesi prima annunciammo che era a buon punto la preparazione di un vaccino per la malaria.

Ora, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), in un annuncio del 6 ottobre u.s., raccomanda l'uso del vaccino contro la malaria RTS, S/AS01 (RTS, S) tra i bambini dell'Africa subsahariana e in altre regioni con trasmissione della malaria da Plasmodio falciparum da moderata a elevata. La raccomandazione si basa sui risultati di un programma pilota in corso in Ghana, Kenya e Malawi che ha raggiunto più di 800.000 bambini dal 2019.

Questo, in sintesi, il testo del comunicato:

La malaria rimane una delle principali cause di malattie infantili e di morte nell'Africa subsahariana. Più di 260 000 bambini africani di età inferiore ai cinque anni muoiono di malaria ogni anno.

"Per secoli, la malaria ha perseguitato l'Africa subsahariana, causando immense sofferenze personali", ha affermato il dott. Matshidiso Moeti, direttore regionale dell'OMS per l'Africa. "La raccomandazione di oggi offre un barlume di speranza per il continente che sopporta il fardello più pesante della malattia e ci aspettiamo che molti più bambini africani siano protetti dalla malaria e diventino adulti sani".

Il vaccino contro la malaria RTS, S/AS01 dovrebbe essere somministrato in un programma di 4 dosi nei bambini dai 5 mesi di età per la riduzione della malattia e del carico di malaria.

I risultati chiave dei progetti pilota hanno dato origine alla raccomandazione sulla base di dati e approfondimenti generati da due anni di vaccinazione nelle cliniche per la salute dei bambini nei tre paesi pilota, sotto la guida dei ministeri della salute di Ghana, Kenya e Malawi.

I dati del programma pilota hanno mostrato che più di due terzi dei bambini nei 3 paesi che non dormono sotto una zanzariera stanno beneficiando del vaccino RTS, S.

Il vaccino ha un profilo di sicurezza favorevole: infatti, ad oggi, sono state somministrate più di 2,3 milioni di dosi del vaccino.

Nelle aree in cui è stato introdotto il vaccino, non c'è stata una diminuzione nell'uso di zanzariere trattate con insetticida e nell'adozione di altre vaccinazioni infantili.

Si è registrata una riduzione significativa (30%) della malaria grave e mortale, anche se introdotta in aree in cui le reti, trattate con insetticida, sono ampiamente utilizzate e vi è un buon accesso alla diagnosi e al trattamento.

 

al testo integrale del comunicato:

https://www.who.int/news/item/06-10-2021-who-recommends-groundbreaking-malaria-vaccine-for-children-at-risk