Il presidente della Repubblica Unita del Tanzania, John Magufuli, è morto, ne ha dato l’annuncio la vicepresidentessa Samia Suluhu Hassan alla televisione di stato mercoledì 17. Deceduto per problemi cardiaci, sembra, legati all’infezione da coronavirus. 

Il presidente Magufuli era venuto alla ribalta negli ultimi mesi per aver rifiutato di prendere in considerazione seriamente la pandemia da COVID 19, ritenuta un artefatto occidentale. 

Il defunto presidente sarà ricordato anche per lo stile aggressivo della sua leadership. 

Se all’inizio si era guadagnato simpatie contrastando la corruzione, riducendo spese governative ingenti e in sovrappiù, sviluppando nuove linee di collegamento di trasporti e ben oltre 1700 nuovi centri di salute, la sua presidenza, col secondo mandato, era divenuta sempre più autoritaria, con pesanti dubbi sulle stesse elezioni, prima volta per il Tanzania. Aveva anche imposto anche alle imprese estrattive tasse pesanti, che ad esempio la Gold Corporation ha pagato, mediando un compromesso. 

Ma probabilmente verrà ricordato per il suo diniego del Covid 19, insistendo che la Tanzania fosse senza coronavirus, scoraggiando uso di mascherine e suggerendo uso di medicine tradizionali. 

Il numero di morti e il sovraffollamento delle unità di degenza e cura governative ne raccontano invece l’erroneità e leggerezza.

Succedendo a Magufuli, come previsto dalla costituzione tanzaniana, Samia Hassan sarebbe la prima donna a diventare presidente all’interno del blocco economico di sei nazioni dell’East Africa. Primo problema che le si presenterà sarà appunto su quale atteggiamento, e conseguenti scelte, tenere nei confronti della pandemia.

© 2021 by McAComonlus

  • Facebook

Medici con l'Africa Como onlus svolge attività con CUAMM Medici con l'Africa Padova